Nonostante i tassi bassissimi, gli italiani usano meno il mutuo per comprare casa. Lo afferma il terzo Osservatorio immobiliare 2019 di Nomisma. La spiegazione principale è nella “fragilità reddituale delle famiglie dovuta alla recessione” che “spinge le banche a mantenere criteri molti rigorosi nel vaglio delle richieste di finanziamento”.

In Italia

Secondo lo studio, nei primi dieci mesi del 2019 le transazioni sostenute da mutuo sono il 51,8% del totale, contro il 58,2% dello stesso periodo del 2018. Nel 2019 gli scambi sono poco più di 662mila, con un’incidenza del segmento residenziale che raggiunge il 92%. I prezzi nel residenziale si confermano in aumento dello 0,2% su base annua, mentre i negozi segnano un calo dello 0,6% e gli uffici un ribasso dello 0,7%.

Giovani

Anche per il 2020 sono diverse le agevolazioni prima casa giovani, soprattutto se si decide di contrarre un mutuo. Il Fondo mutuo prima casa 2020 è finalizzato alla concessione di garanzie fino a un massimo del 50% del capitale investito nell’immobile. Con il mutuo prima casa giovani è lo Stato che si fa garante nei confronti della banca per ottenere il finanziamento.

Donne

Abi e le organizzazioni sindacali di settore hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che chiederà alle banche e agli intermediari finanziari che vi aderiranno di impegnarsi a sospendere il pagamento della quota capitale dei mutui e dei prestiti alle donne vittime di violenza.